Esperienza di volontariato per chi ha problemi di slot machine

La diffusione del gioco d’azzardo online in Italia ha avuto una crescita molto rapida soprattutto negli ultimi hanni grazie alla legalizzazione delle scommesse, dei giochi da casino e slot machine. Se prima infatti la maggior parte dei casino online aveva la sede legale in paradisi fiscali come Malta, Curacao o la stessa Tanzania, ora le tasse vengono pagate in Italia.
A farne le spese sono proprio gli italiani che ora possono essere raggiunti e convinti a giocare da invitanti pubblicità in televisione, giornali sui siti internet più famosi, allo stadio, etc.

Aprire un conto gioco su uno di questi siti di scommesse è molto facile, dopo aver inserito i propri dati basta inviare la copia del passaporto valido per almeno 6 mesi dalla data di partenza o di un documento d’identità o di un certificato internazionale se necessario per gli immigrati residenti in Italia.

Una volta completata la registrazione tutto è pronto per partire e iniziare a tentare la fortuna alle slot machine o ad altri tipi di scommesse come il bingo, lo sport o il poker.

missione slot machine

Il gioco però può causare anche dipendenza. Ogni sito di casinò online è tenuto ad informare i clienti del rischio di ludopatia, la dipendenza da gioco d’azzardo. Il fenomeno purtroppo è in forte crescita ma stanno nacendo numerosi centri per aiutare gli affetti da questa malattia come il centro Ismani di vicino all’Ufficio Sanità Marittima di Porto Empedocle.

Il centro Ismani di Agrigento è una missione modesta, c’è una piccola farmacia, è bene portare le proprie medicine, soprattutto quelle prescritte dagli psicologi a supporto dei problemi di slot machine. Vanno benissimo anche le confezioni di campioni gratuiti purché contengano il foglietto delle istruzioni.

Il clima durante il giorno è soleggiato, la temperatura è di circa 25-30°, mentre la sera scende anche a 15°. Meglio avere anche una giacca a vento, qualche golf di lana e un paio di pantaloni più pesanti. Scarpe: comode per camminare in strade non asfaltate. Sarebbe meglio portare scarpe chiuse anche se può esserci caldo.

Per la tappa a Dar Es Salaam potrebbero essere utili abbigliamento e scarpe per il clima più caldo e per il mare. Bagaglio: il limite di peso sia all’andata che al ritorno è di 20/30 kg per il bagaglio da imbarcare. Il bagaglio a mano non deve superare i 5-7 kg.

Essendo un gruppo c’è un margine di tolleranza per il sovrappeso, ma è meglio non esagerare a meno che non si abbia da portare materiale necessario alla missione.

Comunicazioni con l’Italia: è possibile acquistare una scheda di telefonia mobile tanzaniana o avere il roaming internazionale a circa 500 m. dalla missione. La possibilità di trasmissione di sms e di chiamate è sempre molto incerta, la zona non è dotata di ripetitori efficaci.